Estate

Estate

mercoledì 29 ottobre 2014

Il ritorno del patchwork

Buonasera a tutte, come state? Infreddolite che voi? Io sto scrivendo con una vestagliona di pile sulle spalle e la gatta sulle gambe ed entrambe mi tengono calda. Come sapete ho mille e più progetti in corso e sto procedendo con tutti (o quasi), l'ultimo terminato è un lavoro a patchwork. Era tantissimo tempo che non parlavo di questa tecnica, infatti dopo averne appreso i rudimenti, l'avevo altrettanto in fretta abbandonata, non mi riusciva e così mi ero dedicata ad altro. In fiera a Vicenza, come avete visto nel post precedente, ho acquistato il manuale di patchwork scritto da Anna Maria Turchi, gli ho dato una sfogliata subito e mi sembrava ben fatto, però era solo un'occhiata. Arrivata a casa, mi sono dedicata con più attenzione al libro e scopro che è veramente chiaro, tantissime foto dei vari passaggi e così mi sono detta: perchè non provare?! E così via alla scelta di stoffe e fili, litigo un po' con la macchina da cucire, che poi docile mi accompagna in questa nuova avventura. Ho seguito fedelmente il libro e sono partita dal primo lavoro spiegato, il più semplice e con grande soddisfazione mi riesce!!!!
Vi lascio immaginare la mia gioia quando alla fine della cucitura ho visto che tutto combaciava alla perfezione, lo so che sarebbe normale, ma non mi era mai riuscito (ecco perchè avevo abbandonato la tecnica). E sul retro le cuciture si aprono in piccoli quadrati (proprio come ci aveva fatto vedere Anna Maria in fiera a Vicenza)
Dopo aver fatto un semplicissimo trapunto ho terminato la confezione e il risultato è questo.
Vi piace? A me moltissimo. Ora seguendo le istruzioni di Anna Maria mi sono rimasti ancora i ritagli sufficienti per fare un'altra mug rug e così mi sono rimessa all'opera, così ne ho un'altra per quando viene la mia amica a prendere il the con me.
Anche in questo caso le cuciture combaciano perfettamente (evvaiiiiiiiiiii). Tra un blocco e l'altro procedo anche con le calze, che non sono semplicissime, ma che pian piano crescono, purtroppo non posso lavorare la sera perchè il filato è piuttosto scuro e non vedo bene. Terminato questo, sicuramente continuerò a seguire il libro e a creare qualcos'altro. Con questo vi saluto, vi auguro un buon proseguimento di settimana. A presto Lara

3 commenti:

Clelia P ha detto...

bel lavoro!!! io penso farò un corso di patchwork nel nuovo anno.. mi piacerebbe imparare qualcosa, anche se penso di non essere in grado di essere così precisa... hee hee
baci
Clelia

Gabri Ercole ha detto...

Brava che bel lavoro e bella scelta per le stoffe!!io non sarei brava in questa tecnica...devo ancora fare bene amicizia con la macchina da cucire!!buona domenica!!

Anna Maria ha detto...

Bravissima! e grazie per me sono grandi emozioni!
Felice Quilting
Anna Maria turchi